martedì 3 novembre 2015

...e sotto il soffitto verde?


Tutto questo! 

Il parquet: i soliti listoni di pino massello, grezzo e di seconda scelta.





Le pareti. Dopo l'incubo della rimozione della vecchia carta da parati, c'e' stato quello della stuccatura e carteggiatura. Una prima mano di tempera bianca a uniformare la superficie e poi altre due mani di un delicatissimo bianco ghiaccio. Tutte rigorosamente a pennello. Odio il rullo!





Smalto nuovo anche agli infissi, agli zoccolini e all'armadio a muro. Due bellissime tonalita' di grigio che in queste foto non trovano giustizia!


Altri due grigi, scuro sotto chiaro sopra, per il pavimento shabby. Il procedimento e la tecnica sono sempre quelli utilizzati per il pavimento della cucina. Li trovate qui.






E poi la parte piu' divertente: l'arredamento! Sempre di recupero, ovviamente.



La bella credenzina l'abbiamo trovata qui. Era fuori, sotto la vecchia veranda e quindi la finitura originale e' quasi completamente stata lavata via dal sole e dagli sbalzi di temperatura. Fortuna che era riparata dalla pioggia e il legno e' ancora in buono stato. Per ora la tengo cosi', ma in futuro mi piacerebbe decorarla a calce....


Al momento, dato che il soffitto e' troppo basso perche' possiamo montare i nostri armadi, la sto utilizzando per riporre la biancheria da letto delle camere, ma nella parte superiore ho voluto esporre le camicette, i ricami e la biancheria intima antica che ho trovato nei bauli della casina.



Anche il vecchio baule militare apparteneva alla famiglia dei precedenti proprietari. Uno dei tanti cimeli conservati da tre generazioni di gendarmi francesi....


...insieme ai tanti libri e quaderni di scuola conservati dall'ultima proprietaria, maestra elementare. Qui gli appunti di storia francese, anno scolastico 1925/26, con le cartine disegnate a pennino e colorate a pastello e matita....



Alcune, pochissime a dire il vero, delle tante belle lenzuola di lino e canapa. Qualche tovaglia con le sifre ricamate, strofinacci da cucina, sempre ricamati, tovaglioli, un vecchio ferro da stiro elettrico....






...arrivederci alla prossima! 







2 commenti:

  1. Complimenti! Questa stanza è bellissima, incredibile cosa possa essere creato da una mente fantasiosa, dalla voglia di fare e da degli oggetti riciclati! Curioserò con piacere nelle pagine del tuo blog :) Un saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mari! Un complimento bellissimo....

      Elimina