venerdì 2 novembre 2012

MARAMAO PERCHE' SEI MORTO? capitolo I


Io non ce l’ho un orto. Ma come dicevi Sabi’? Dato che i sogni non costano nulla, tanto vale sognare in grande? Allora sai cosa ti dico io? L’orto e’ un sogno piccolo piccolo. Io sogno una fattoria! Non una fattoria qualunque, ma una fattoria autosufficiente. Non solo dal punto di vista alimentare, ma anche energetico. Vale a dire una fattoria che produca non solo cibo, ma anche energia elettrica e riscaldamento. Niente supermercato e niente bollette. E dove costruirò questa fattoria? A Thiviers, in Dordogna, nel Sud Ovest della Francia. Perche’ proprio là? Perche’ e’ là che abbiamo comprato la nostra casetta. Certo, quando abbiamo cominciato a sognare, la scelta e’ caduta inevitabilmente sulla Toscana. Poi siamo capitati per caso in Charente, altro splendido angolo di Francia, e ci siamo resi conto che l’offerta di vecchie case di campagna con grandi superfici di terreno era altissima ed i prezzi quasi un decimo di quelli che chiedevano in Toscana. Nel corso della ricerca della casa ideale, siamo scesi un po’ piu’ a sud, in Dordogna appunto, e finalmente l’abbiamo trovata: una piccola longere ( si chiamano cosi’ le vecchie case a pianta rettangolare allungata tipiche di queste zone) a due piani, in parte abitabile e con la possibilita’ di estendersi nell’annessa bergerie; un granaio anch’esso a due piani completamente da ristrutturare, ma con la bella struttura in pietra locale in perfette condizioni, travi comprese; un altro annesso, attualmente quasi diroccato ed adibito a legnaia, ma che “fa volume”. In totale quasi 300 mq di superficie abitativa e, cosa per noi piu’ importante, poco meno di due ettari di terreno. E per una cifra con la quale oggigiorno, in qualunque città italiana, compri forse un bilocale in zona periferica! La casa dei nostri sogni doveva avere altri due requisiti importanti: una bella vista e la prossimita’ ad un villaggio con qualche negozio. A dire la verita’ la vista non e’ proprio bella: di piu’! Un mare di colline che si inseguono fin dove lo sguardo puo’ spingersi. Niente coltivazioni intensive, solo pascoli destinati all’allevamento all’aperto delle belle vacche Limousin. Boschi decidui con qualche sempreverde, meravigliosi in autunno. Case di campagna in pietra perigordina, una bellissima arenaria color giallo chiaro, e tetti con la caratteristica forma leggermente concava, coperti di tegole piatte in terracotta o  ardesia   e interrotti in piu’ punti da piccoli abbaini. Le case piu’ antiche conservano le torrette quadrate, in cima alle quali, sotto gli appuntiti tetti a quattro falde,  si trovavano le colombaie. Un’altra particolarità che mi ha fatto innamorare a prima vista di questa casa, è che è situata sul cammino per San Giacomo di Compostela: i pellegrini che lo percorrono a piedi, in bicicletta e anche a cavallo, mi passano proprio sotto le finestre ed è sempre un piacere per me salutarli ed augurare loro buon viaggio.











Questo pezzetto di Paradiso Terrestre, dista solo 700 metri dal centro del paese di Thiviers, denominata “la Capitale del Foie Gras”, un grosso villaggio di circa 3.100 anime, con una bella chiesa, un piu’ che dignitoso castello  e  ogni genere di negozi e servizi. C’e’ anche un fantastico mercato, il sabato mattina , che per tutta l’estate raddoppia con l’appuntamento del martedi’ riservato ai produttori locali. Immagini e profumi che credevo dimenticati: quasi mi commuovo ogni volta che vedo banchi pieni di un unico prodotto, che siano meloni, fragole, pesche o pomodori, zucchine, lattuga e melanzane. Molto spesso patate, carote e rape hanno ancora la terra attaccata. C’e’ un banco di soli salami, dico proprio salami, non salumi! Quello con solo tre o quattro tipi di formaggio. Uno per la carne di maiale, il pregiato cul noire locale, e uno che vende solo anatre e oche. E poi ancora i vini della regione: Bordeaux, Bergerac, Monbazillac, Sauterne...per citarne solo alcuni. C’e’ una simpatica signora che vende le sue marmellate e un’altra che vende il pane a lievitazione naturale cotto nel forno a legna, prodotto con le sue farine biologiche! 

Thiviers. Il nome non dice nulla, ma se vi dicessi che l’aggettivo riferito al paese e’ thiberien, non vi suonerebbe un campanellino nella testa? Gia’, e’ proprio stato fondato dai soliti Romani, senza offesa Sabbi’!,  all’epoca dell’imperatore Tiberio. A dirla tutta, i Francesi, che ancora  ‘sta storia del de bello gallico mica l’hanno digerita, sostengono che il nome sia di origine celtica, ma  io preferisco la prima ipotesi. In ogni caso e’ assolutamente vero che qui prima dei Romani ci fossero i Galli e se pensate che far finire in X tutti i nomi dei personaggi del fumetto sia stata una trovata del suo autore, vi sbagliate di grosso! Qui intorno e’ pieno di paesi con nomi che finiscono in X : Firbeix, Videix, Couseix, Mavaleix ...Ma la regione era abitata anche in epoche molto piu’ antiche. Nei paraggi ci sono numerosi siti archeologici di epoca preistorica e a 50 km c’e’ la famosissima grotta di Lascaux, con i suoi meravigliosi dipinti rupestri che oggi e’ possibile ammirare solo riprodotti, dato che il sito originale e’ stato chiuso al pubblico per evitarne il deterioramento. Castelli e villaggi medioevali, meravigliosi giardini botanici, vigneti e cantine storiche e conosciute in tutto il mondo e le famose, pittoresche “bastides” della zona intorno a Bergerac, completano l’elenco delle “cose da vedere” quando si visita la Dordogna. Gli Inglesi la chiamano, in tono dispregiativo, Dordogneshire, a sottolinerare il numero davvero elevato di loro connazionali che l’hanno “invasa” negli ultimi decenni, alla continua ricerca del bel tempo e della joie de vivre francese e che, secondo alcuni,  rischiano di snaturare la regione importando abitudini, stile di vita e prodotti anglosassoni. Qui nel Perigord vert non sono tantissimi, pero’ c’e’ un buon numero di Olandesi...come sentirsi a casa per me! Ma cos’e’ sto Perigord vert? Non eri  in Dordogna? Adesso vi spiego: la Dordogna e’ un dipartimento dell’Aquitania, ed e’ a sua volta suddivisa in quattro zone denominate tutte Perigord. C’e’ il Perigord vert, con capitale Periguex, il Perigord blanc, che ha  Riberac come capitale, il Perigord rouge con Bergerac, che non c’entra niente col nasuto spadaccino/poeta, anche se tutta la zona pullula di souvenirs di Cirano e Roxane, e il Perigord noir la cui capitale è Sarlat. Verde per i pascoli, bianco per la pietra calcarea, rosso per il vino e nero per i fitti boschi. Nonostante facciano parte della stessa regione, queste quattro zone hanno sostanziali differenze tra loro, sia nel clima, che nella morfologia del territorio, che nell’architettura.

Dordogneshire...

La bastide di Eymet

La bastide di Issigeac

Lascaux

Hautfort


Il marché fermier a Thiviers




E ma insomma...e l’orto? ...la fattoria? Un momento!! Ci sto arrivando, quanta fretta!...Qui la fretta non esiste: lasciatela nelle vostre case di citta’, se decidete di farvi un giro da queste parti. C’e’ sempre tempo per fare due chiacchiere, prendere un caffe’ o un aperitvo con amici e conoscenti...Gli aperitivi...No no, questi meritano un capitolo a parte....
Continua.....

Questo e' solo il primo capitolo del post piu' lungo della storia del web con il quale partecipo al contest della mia carissima amica Sabina del blog Cook'n'book, in collaborazione con 
Il club delle cuoche



34 commenti:

  1. Maddaiiiii!!! Bellissimo che invidia!
    Io una casa dispersa tra i bricchi ce l'ho ma non è in una zona di passaggio come la tua e di produzione propria... beh... no parlo perchè non ho il pollice verde ma,in compenso, ho l'indice NERO che mi frega.
    Bisogna dire che, ogni tanto, il Martirio mi propone di mollar tutto e andar a vivere in campagna... vivendo di ciò che da la terra, ma io sono nata cittadina e faccio fatica a diventar una ragazza di campagna.
    Poi mettici che i paesi sono lotanucci da casa, le scuole pure (ho un bimbo di 9 anni...) ed io mi arrendo subito.
    Ma stimo e apprezzo chi riesce a farlo e per di più in modo eco-compatibile come si usa dire ora.
    Brava, facci avere l'indirisssss e ti verremo a trovare... magari approfittando delle vacanze estive e del camper... :-)
    Nora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco brava!! Vienici in estate, cosi', dato che avrai anche l'indice nero, ma hai pure le mani d'oro, ti metto in cucina a far conserve con i prodotti dell'orto e del frutteto!! :-)))) che sia chiaro che i miei ospiti tutti a lavorare li metto!!
      Va che l'hai detto e io adesso ti aspetto!

      Elimina
    2. A costo di manipolare il TomTom.... mi ci faccio portare dal Martirio!!!
      A presto
      Nora
      PS - Ma non venivi a Milano?????

      Elimina
    3. Arrivo!!!...giovedi' son li'...

      Elimina
    4. E V V I V A A A A A A A!!!!!!

      Elimina
  2. eggià...lei vuole l'orto e si fa la fattoria!!! :D
    Think BIG si chiama!
    sei forte Roby, sarà per questo che anche senza conoscerti, ti adoro così tanto? Però vedrai, cha a Thiviers...ci vengo a trovarti un giorno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Massi'!!...rimarra' solo un sogno, ma intanto la casa c'e' e piu' reale di cosi' non potrebbe essere. Quindi ti aspetto a Thiviers, primo o poi...meglio prima!! Ti adoro io pure.

      Elimina
  3. No va beh....ma perché mi commuovo sempre quando mi coinvolgi in un post???? La lacrima è immediata...ma come mai???' Mentre leggevo e mi parlavi del cammino di Santiago mi si è accesa non una lampadina ma un faro di quelli a occhio di bue....ehm....poi ti dirò...ma sono certa che il faro avrà già illuminato la tua mente brillante. Questo posto è un sogno. Non vedo l'ora di leggere degli aperitivi di cui mi hai accennato a suo tempo (ti riferisci a quelli dei vicini???). Per ora non so cosa dire, se non che mi piacerebbe venire a trovarti, fare la spesa con te e godermi lo scorrere lento del tempo....per ora ci vedremo a Milan ed è già una gran cosa...ah mentre parlavi dei Galli pensavo a quella canzone di Conte che fa: "E i francesi che si inc...no e le palle ancora gli girano...."...ahahaha...si scherza!!!!
    Grazie e baci grandi
    Sabina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tesoro, fatti dare una controllatina agli ormoni, perche' mi sa che ci siamo quasi...ahahahah... Si' si', gli aperitivi sono quelli ai quali ci invitano i nostri meravigliosi vicini, ma non ti anticipo nulla...Magari tu riuscissi a passare un po' di tempo con me a Thiviers...un sogno nel sogno, ma chissa': mai dire mai, giusto?

      Elimina
    2. Mai dire mai, la penso anch'io così..nel frattempo farò un dosaggio ormonale!!!! Ahahaha....

      Elimina
  4. Che meraviglia e che invidia (quella buona, sia chiaro!)! Io mi accontento di un orticello sul balcone, ma mi piacerebbe proprio tanto essere autosufficiente dal punto di vista agricolo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E si', Marie', sono proprio stufa di non sapere cosa mi mangio...L'ho fatto anch'io l'orto sul balcone e con molto successo, pure. E' gia' qualcosa, sai...Grazie della visita e del commento. Un abbraccio, a presto.

      Elimina
  5. Questo sì che è un sogno! Spero che un giorno anch'io sarò in grado di realizzare i miei! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai, un mio grande maestro una volta ha detto che mai ti viene dato un desiderio, senza che ti venga dato anche il potere di farlo realizzare. Puo' darsi che tu debba faticare per questo, tuttavia. Quindi stai bene attenta a quello che sogni, perche' i sogni a volte si avverano!! ;-))) Grazie per essere passata e per il commento, a presto.

      Elimina
  6. Mi hai fatto venire una voglia.....e vabbè dal Somerset alla Dorgogneshire che ci metto e venire?
    Aspetto con ansia la seconda parte...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uh guarda, e' molto piu' facile arrivarci dall'Inghilterra che dall'Olanda, credimi!! Quindi aspetto anche te, guarda che ormai l'hai detto e pure in pubblico: ho i testimoni!!

      Elimina
  7. Ti prego, portami a vivere con te! Fammi una stanzetta e io e il mio moroso veniamo a lavorare :o)
    Poi ho letto bene? La capitale del Fioe Gras? E' cosa fatta!
    Ti auguro che tutti questi sogni si realizzino, ma forse, in fondo, il bello è il cammino verso l'obiettivo, quindi comunque il sogno lo stai vivendo :o)
    Un abbraccio fortissimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La stanza e' gia' pronta e appena sara' pronta la cucina, il foie gras ce lo facciamo "maison"!! e comunque hai proprio ragione: a volte il viaggio e' piu' importante della meta....Bella la mia tesora filosofa!! Ti voglio bene, e ti aspetto a Thiviers!!

      Elimina
  8. Hai un bel sogno e le carte giuste per riuscire a realizzarlo, un pezzetto alla volta.
    Nel frattempo, se ti va, veniamo a darti una mano. ;)

    Ogni volta che commento un tuo post mi auto invito, non si fa, scusa. ;)
    Buon W.end!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si' si', tu ti inviti sempre, io ti dico vieni, ma tu non arrivi mai!! ;-)))
      Non ti scusare, soprattutto quando c'e' compresa un'offerta di aiuto: occhio che ti prendo sul serio!!

      Elimina
  9. Ho una sottospecie di orto che sopravvive non si sa bene come al clima terrificante, al giardiniere meno dotato della storia ed ad un gatto dispettoso...si capisce che ti invidio????

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Robi, Stefania scusate se mi intrometto, in genere non faccio queste cose, non mi sponsorizzo, Robi lo sa, è solo che mi è caduto l'occhio su questo commento...con queste premesse Stefania non puoi non partecipare al Contest...non puoi lasciarmi in sospeso con la storia, io vedo già il racconto, la figura del giardiniere mi intriga parecchio...scusate, vi lascio sole. Ahahaha....Baci

      Elimina
    2. Figurati Sabi, sei sempre la benvenuta...mi piace l'idea di un afternoon tea virtuale che ci veda riunite a far 4 chiacchiera anche se stiamo ai 4 angoli del Mondo...E poi fai bene a promuoverti!!

      Elimina
    3. Ha ragione Sabina, Stefania!! Vogliamo il racconto dettagliato dello pseudorto con giardiniere e gatto annessi...figurati se ce lo vogliamo perdere!! E devi assolutamente partecipare al contest di Sabina!!

      Elimina
  10. C'è un posticino anche per me? Che sogno!!! E tu ce l'hai fatta!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un posto per te lo trovo sempre, Bucci!!...e ancora non ce l'ho fatta, pero' siamo sulla buona strada...

      Elimina
  11. Arobi, arridaje! Stavolta hai messo le fotine, ma io le ho guardate tutte una per una.. e vabé ti invidio, tanto lo sai già.
    Aspetto la seconda parte.
    Però, che ceffa che sei! Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le ho messe apposta per te le fotine!! Arriva presto la seconda parte...e arrivo anch'io!! Ci vediamo? Un abbraccione, a presto.

      Elimina
  12. Ce l'ho anch'io l'orto Ecco! E Ho anche I panelli solari ! E pure la mucca rosa e quella lilla ma per raccontarteli aspetto il secondo capitolo! E naturalmente un invito in francia e magari anche in Olanda! Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Adesso che so che hai le mucche rosa e lilla, non so se mi fido a invitarti....E comunque, visto che hai l'orto, vedi di partecipare al contest della Sabi!! Bacioni anche a te, ti becco di la'!!

      Elimina
  13. Come?! Vieni a Milano e neppure mi fai un fischio? Quanto ti fermi?
    A proposito, potresti fare l'agente immobiliare perchè mi hai quasi convinto a comprarmi una casina dalle tue parti. Se decidi di fare un B&B solo con il giro delle foodblogger avresti la stanza prenotata da qui al 2060!!
    Io ci verrò di sicuro alloggiando anche lì vicino ma il tuo sogno devo sicuramente vederlo.
    Un abbraccio cara Robbbi

    RispondiElimina
  14. Sono ancora mezzo addormentata, ma mi sembra di essere entrata in un sogno...di qualcun altro, ma sempre sogno!!!! ;)

    RispondiElimina
  15. Robiiiiii! Ci sei?
    Magari sei a Milano? Aspetta che urlo un po' più forte, che se sei qua magari mi senti! fammi un fischio se davvero ci sei, che combiniamo un incontro!

    RispondiElimina
  16. Carissima, adesso ho chiaro il quadro. Ne avevi parlato ma così hai svelato la ragione dell'innamoramento e chi può darti torto? Per un posto così anche io avrei fatto carte false. E poi te l'ho detto. Non appena la tua fattoria avrà una parvenza di organizzazione, verrò a trovarti e ti aiuterò a mungere le mucche (mi insegnerai) e sopratutto cucineremo insieme. Questo posto è il paradiso.
    Un grandissimo abbraccio e complimenti. I tuoi post sono sempre stupendi.
    Pat

    RispondiElimina