giovedì 8 dicembre 2011

Aspettando Natale: regalini anticrisi


Qui in Olanda sono gia' arrivati i primi regalini. Li ha portati Sinterklaas. E visto che, nonostante la crisi, e' bello poter fare un piccolo dono a tutte le persone a cui vogliamo bene e che ci accompagnano nella nostra vita quotidina, rimbocchiamoci le maniche e creiamo qualcosa di carino con le nostre mani, partendo da ingredienti semplici, cose che abbiamo gia' in casa o facilmente reperibili. 


Con olio d'oliva, latte, miele e vaniglia ho realizzato questi saponi naturali che ho regalato a Janneke, la figlia della mia amica Saskia. L'unico ingrediente che forse non tutti abbiamo sottomano e' la soda caustica, comunque facile da trovare anche al supermercato o in ferramenta o in colorificio. La ricetta la trovate qui, insieme a tutte le informazioni necessarie a lavorare in sicurezza.


Per Saskia, invece, ho confezionato un pot-pourri all'arancia. Non ho fatto altro che conservare le bucce di mandarini e arance che abbiamo consumato, mettendole a seccare sui termosifoni. Una volta secche le mettevo in un contenitore ermetico, insieme ad un misto di spezie macinate, circa due cucchiai, composto di cannella, anice stellato, noce moscata, cardamomo e pochi chiodi di garofano. Poi ho tagliato un'arancia e un limone a fette spesse circa mezzo centimetro. Le ho tenute in forno ventilato, sulla griglia, a 50 gradi, per alcune ore. Poi li ho messi a finire di seccare sui termosifoni. Poco prima di confezionare il pot-pourri, le ho rimesse in forno, sempre ventilato a 50 gradi, per circa un'ora.

Confezionando il pot-pourri, ho aggiunto spezie intere e qualche goccia di olio essenziale di arancio e cannella.

10 commenti:

  1. BRAVISSIMA!!!! Non ho altre parole e ti invidio benevolmente sempre di più!!!
    Bacio grande
    Sabina

    RispondiElimina
  2. Un modo dolcissimo di aspettare il Natale, tra deliziosi cioccolatini e profumatissimi saponi. Mi aggiungo subito ai tuoi sostenitori!

    RispondiElimina
  3. Un modo dolcissimo di dire alla gente "lavati!" baci

    RispondiElimina
  4. @Sabina: Grazie carissima!! Bacione anche a te

    RispondiElimina
  5. @Ilaria: Ciao Ilaria, benvenuta! Grazie mille!!

    RispondiElimina
  6. @Albania: ahahahah!! solo tu potevi.....un bacione tesora!!

    RispondiElimina
  7. ma quanto brava sei? Chapeau!

    RispondiElimina
  8. @Simo: ...mai quanto te! Grazie cara, a presto

    RispondiElimina
  9. sai, io sono ebrea, ma da quando conosco il mio compagno ho imparato ad amare in Natale. Questi regalini fai da te mi piacciono tantissimo, ma il mio preferito è il pot pourri, devo provare a farlo, pensa che proprio ieri cercavo le informazioni su come essiccare la frutta...volevo falo con i kiwi :)) ma le arance andranno benissimo, ci provo con il tuo metodo e ti informo.
    mi chiedevo se sei su facebook, per conoscerci meglio :) o se no scrivimi, eleocol@gmail.com.
    un bacione e buona domenica!

    RispondiElimina
  10. Io sono affascinata dalla cultura e dalle tradizioni ebraiche. Penso che per essicare il kiwi non basti il mio metodo, alquanto empirico, ma ci voglia un disidratatore: il contenuto d'acqua e' troppo elevato, temo che marcirebbe prima di seccare. Certo che alle tue latitudini...Ricambio il bacio, buona domenica anche te

    RispondiElimina